La salma deceduta in un reparto ospedaliero sarà a disposizione dopo 2 ore dal decesso e verrà sottoposta ad elettrocardiogramma per la durata di 20 minuti, dopodiché verrà trasferita in obitorio per un servizio di vestizione e commiato ai dolenti.

L’Ente Ospedaliero trasmetterà all’ufficio dello Stato Civile del Comune di decesso i documenti sanitari nelle 24 ore successive alla morte.

La salma può essere trasferita dalla struttura sanitaria all’abitazione o altra struttura su richiesta dei familiari, che dovranno far recapitare i vestiti il prima possibile all’obitorio.

La vestizione e la preparazione sarà effettuata dal personale ospedaliero, per qualsiasi particolare richiesta rivolgetevi a noi o agli infermieri specializzati.

Il defunto sarà esposto fin dal mattino del giorno del funerale e gli orari di visita variano per ogni obitorio.

É possibile personalizzare la camera ardente con tappeti, candele, e altri ornamenti su richiesta della famiglia.

Ricordiamo che gli operatori degli obitori non possono indirizzare in qualunque modo i parenti del defunto ad un’Impresa funebre.

In caso di decesso in abitazione dovete avvisare il medico curante. Se irreperibile, potete contattare la guardia medica che redigerà la “constatazione del decesso”.

In caso di necessità potete far presente al medico intervenuto la volontà di traferire la salma presso l’obitorio.
Se decidete di traferire la salma non dovete vestirla ma preparare l’occorrente; ricordiamo che gli obitori hanno degli orari di entrata da pianificare con il personale ospedaliero.

Se preferite tenere la salma in casa, contattateci e dopo aver pianificato il funerale prepareremo la camera ardente in casa. Sarà compito nostro avvisare il medico necroscopo che visiterà la salma presso l’abitazione tra le 6 e le 36 ore dall’ora del decesso, il quale potrà prescrivere gli interventi da attuare per il conservamento della salma (frigo refrigerante, puntura conservativa ecc.) e, in base alla causa della morte, all’età, alla malattia in essere, ecc. deciderà il periodo di osservazione che può essere di 24 o 48 ore prima di poter svolgere il funerale.

Il personale medico consiglia sempre il trasferimento presso l’obitorio per motivi di conservazione ed igienico-sanitari, specialmente nei periodi più caldi e quando il defunto, in vita assumeva molti medicinali.

Che si tratti di causa naturale o di morte violenta interverranno le forze dell’ordine e il medico necroscopo che, previa autorizzazione del questore, faranno trasferire la salma presso l’obitorio.

Per pianificare il funerale occorrerà il nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica.

In tutti i casi di decesso sarete voi, insieme con il parroco e l’impresa, a decidere il giorno e l’ora del funerale, dopo che sarà trascorso il periodo di osservazione deciso dal medico necroscopo di 24 o 48 ore dall’ora accertata del decesso o dal nulla osta in caso di decesso in luogo pubblico o morte violenta.

In alcuni obitori vige l’orario di partenza programmata e il funerale verrà deciso insieme al parroco.

Ci si reca presso l’Ufficio Comunale addetto alla gestione cimiteriale per comunicare la data del funerale e il tipo di sepoltura.
L’ufficio comunale avviserà il custode cimiteriale e la polizia locale.
Presso la nostra sede premunitevi di foto (cartacea o digitale) e codice fiscale del defunto e codice fiscale e documento d’identità di un parente (per uso privacy per l’espletamento delle pratiche).